Mille rosse Spina christi: talee volontarie e…sorprese

“Sono sempre piene di vespe magari ci hanno ricostruito il nido…e sono piene di spine, perché ovunque mi giro le trovo? Sempre più grandi e inquietanti.” Queste sono le lamentele di mia figlia a cui fiori e piante  piacciono eccome…ma che piante può essere così “pericolosa”? La, anzi le, mie Spina christi ( Euphorbia milii)  che sono veramente un po’ particolari. Tutto é iniziato quando Maria Grazia mi ha proposto di prendere la sua che era effettivamente diventata ingombrante e non riusciva a trovarle un posto adatto a casa visto che per non deperire in inverno deve stare in un posto molto luminoso. Un posto glielo ho trovato e lei che pure era già alta quasi un metro ha continuato a infoltirsi.  A questo punto cosa ho pensato?

Potrei provare a fare una talea!

Ripensandoci ora credo sia stata la mia prima talea, cioè da lì è cominciata questa mia abitudine, irresistibile per me, ma che devo contenere perché poi devo impegnarmi a cercare nuove case per ogni nuova pianta. (Una di ogni tipo la tengo comunque, per affetto).

settembre 2019

Comunque ho tagliato e piantato due rametti che sembravano sempre sul punto di tracollare, lunghi stecchi color terra, pieni di spine e senza fiori. Fatto sta che mese dopo mese ce l’hanno fatta e così ho avuto la mia seconda Spina christi (quella sulla destra nella foto sopra), che cresceva cresceva. E il problema di Maria Grazia si è ripresentato: ho studiato nuove postazioni invernali davanti alle finestre, sopra piedistalli, tavoli, in angoli in cui arriva molta luce, anche se devo dire che comunque in inverno questi minuscoli fiorellini rossi faticano. 

Ma la cosa più incredibile é accaduta un paio di anni fa, o almeno mi sembra di ricordare queste tempistiche. Ora ho deciso che terrò nota della vita del mio giardino anche se con qualche foto su Instagram e qualche vecchio appunto scritto su un’agenda, (già tipo ante computer, non ridete: funziona) qualcosa sto ricostruendo.

(Ho divagato e non ho raccontato la cosa centrale… “stringi stringi”, ripetono mia figlia e mio fratello quando racconto, probabilmente le altre persone non osano dirmelo…)

Fatto sta che in un vaso di orchidee che tengo sul davanzale della mia camera vedo spuntata una cosa che sembra un inizio di “Spina christi”, un centimetro…Che qualche seme sia volato dall’altra stanza? Non può essere, io comunque lascio lì, guardo e aspetto. Ho pazienza, aspetto senza stufarmi. Probabilmente sono fortunata, questo è l’unico modo per godersi la natura, non avere fretta. O forse è un inconscio desiderio di avere davanti tutto il tempo necessario, esorcizzare la fine. 

Non ci crederete ma era davvero una Spina christi, quando è stata di qualche centimetro l’ho messa in un altro vasetto, poi in un altro ancora e sono sempre più fiorellini rossi, e cresce. 

Purtroppo come per ogni cosa viva è arrivato il tempo per la pianta madre e questa primavera durante il lockdown per la pandemia di COVID19, piano piano si é seccata, con dispiacere. 

Ma siccome non resisto ho preso due rametti che avevano ancora qualche fogliolina verde e li ho messi in un vasetto. Sono passati tre mese e qualche timida fogliolina c’è.

Forse ce l’ho fatta anche stavolta.

Vi tengo aggiornati!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...